"

Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes, and Growing Up di Naya Rivera

Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes, and Growing Up di Naya Rivera: non è una semplice autobiografia ma la prova reale che essere donna significa anche essere in grado di prendersi le proprie responsabilità. E non avere paura di mettere, nero su bianco, anche gli sbagli più grandi.

Le autobiografie appassionano perché danno modo alle persone di gettare uno sguardo sulla vita dei propri beniamini. Naya Rivera fa qualcosa di molto più importante di una mera mossa commerciale: parla schiettamente senza nascondere nulla, anche le parti più scabrose della sua esistenza. E dice: “Io ho fatto questo, ho sbagliato alla grande, ma ho trovato la mia strada. Se ti impegni puoi farcela“.  Un femminismo puro senza pretendere di essere qualcosa che non è, e che arriva senza farsi annunciare. E’ per questo motivo che tutte le donne dovrebbero prendersi un paio di ore e dedicarle a questo libro. Essere fan dei suoi lavori o di Glee, la serie televisiva che l’ha resa famosa, è secondario.

Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes, and Growing Up di Naya Rivera non pretende di essere un bestseller e non punta a tale obiettivo. Lo stile discorsivo, il modo quasi confuso con il quale approccia i vari capitoli non lo rendono un gioiello stilistico. Ma è un libro vero come pochi nella sua stessa categoria lo sono stati. Stilando la lista di ciò che rimpiange (Sorry) e ciò di cui è fiera (Not sorry) la Rivera condivide quello che sembra essere un percorso di analisi ma al contempo un monito a non perdere se stessi, tra scelte completamente sbagliate e uomini da dimenticare. Consigliato.

Un pensiero riguardo “Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes, and Growing Up di Naya Rivera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *