"

Festival del Cinema di Roma: il programma dell’undicesima edizione

Il 30 settembre è stata presentata l’undicesima edizione del Festival del Cinema di Roma.

Si prospetta una grande festa internazionale e soprattutto poliedrica: tanti infatti sono gli artisti ospiti, e non solo attori; sul red carpet vedremo sfilare personaggi come Jovanotti e Michael Bublè. L’obbiettivo, citando il direttore Antonio Monda, è ‘una festa del cinema che si apre per dialogare con le altre forme d’arte’.

Il programma delle proiezioni si prospetta intenso, con film che hanno già fatto parlare di sé, come Moonlight, film di apertura del concorso, Captain Fantastic con Viggo Mortensen e 7 minuti del nostrano Michele Placido.
Il Festival si svolgerà dal 13 al 23 ottobre 2016, notte in cui il pubblico stesso proclamerà il film vincitore.

Il programma dei film in concorso.

Selezione ufficiale:

7 MINUTI, di Michele Placido (Italia)
7.19AM, di Jorge Michael Grau (Messico)
THE ACCOUNTANT, di Gavin O’Connor (Stati Uniti, Canada)
THE BIRTH OF A NATION, di Nate Parker (Stati Uniti)
LA CAJA VACÍA, di Claudia Sainte-Luce (Francia, Messico)
DENIAL, di Mick Jackson (Stati Uniti, Regno Unito)
THE EAGLE HUNTRESS, di Otto Bell (Regno Unito, Mongolia, Stati Uniti)
LA FILLE DE BREST, di Emmanuelle Bercot (Francia)
AL FINAL DEL TÚNEL, di Rodrigo Grande (Argentina, Spagna)
FLORENCE FOSTER JENKINS, di Stephen Frears (Regno Unito)
FRITZ LANG, di Gordian Maugg (Germania)
GOLDSTONE, di Ivan Sen (Australia)
THE HOLLARS, di John Krasinski (Stati Uniti)
INTO THE INFERNO, di Werner Herzog (Regno Unito, Austria)
IRRÉPROCHABLE, di Sébastien Marnier (Francia)
JAVDANEGI, di Mehdi Fard Ghaderi (Iran)
THE LAST LAUGH, di Ferne Pearlstein (Stati Uniti)
LION,di Garth Davis (Australia, Regno Unito, Stati Uniti)
MANCHESTER BY THE SEA, di Kenneth Lonergan (Stati Uniti)
MARIA PER ROMA, di Karen Di Porto (Italia)
MEDINAT HAGAMADIM, di Yaniv Berman (Israele, Palestina)
MOONLIGHT, di Barry Jenkins (Stati Uniti)
LA MUJER DEL ANIMAL, di Victor Gaviria (Colombia)
NAGAI IIWAKE, di Miwa Nishikawa (Giappone)
NAPOLI ’44, di Francesco Patierno (Italia)
NOCES, di Stephan Streker (Belgio, Francia, Lussemburgo, Pakistan)
POWIDOKI, di Andrzej Wajda (Polonia)
RICHARD LINKLATER: DREAM IS DESTINY, di Louis Black, Karen Bernstein (Stati Uniti)
THE ROLLING STONES OLÉ OLÉ OLÉ!: A TRIP ACROSS LATIN AMERICA, di Paul Dugdale (Regno Unito)
SAN SHAO YE DE JIAN, di Tung-Shing ‘Derek’ Yee (Hong Kong, China)
THE SECRET SCRIPTURE, di Jim Sheridan (Irlanda)
SNOWDEN, di Oliver Stone (Stati Uniti, Germania)
SOLE CUORE AMORE, di Daniele Vicari (Italia)
TODO LO DEMÁS, di Natalia Almada (Messico, Stati Uniti)
TRAMPS, di Adam Leon (Stati Uniti)
LA ÚLTIMA TARDE, di Joel Calero (Perù, Colombia)
UNA, di Benedict Andrews (Regno Unito)

Tutti ne parlano: Uno spazio dedicato ad alcuni titoli che arrivano alla Festa del Cinema dopo un sorprendente esordio internazionale.

BUSANHAENG, di Yeon Sang-ho (Corea del Sud)
GENIUS, di Michael Grandage (Regno Unito, Stati Uniti)
HELL OR HIGH WATER, di David Mackenzie (Stati Uniti)
LA TORTUE ROUGE, di Michael Dudok de Wit (Francia, Giappone, Belgio)

In collaborazione con Alice nella Città:

CAPTAIN FANTASTIC, di Matt Ross (Stati Uniti)
LOUISE EN HIVER, di Jean-François Laguionie (Francia, Canada)
SING STREET, di John Carney (Irlanda, Regno Unito, Stati Uniti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *