american horror story 6x04 sesso sangue sacrifici

American Horror Story 6×04: sesso, sangue e sacrifici

Finalmente le cose si fanno interessanti nella 6X04 di American Horror Story – Roanoke. Piccoli misteri iniziano ad essere svelati e i fili iniziano ad essere tirati nel modo giusto. Tra maledizioni, sacrifici umani, si da spazio all’horror più puro.

Splatter e sangue

Ancora una volta niente che non si sia già visto in altri film, ma di sicuro qualcosa di orrendo e splatter che spinge a girare la testa dall’altra parte. La donna con la mannaia finalmente trova un senso nel quadro generale delle cose e nell’insieme della storia e questo colloca al posto giusto diversi pezzi del puzzle. Si viene inoltre a conoscere il potere supremo alla base di tutto e da dove proviene. Scoperta tutt’altro che rassicurante in “Chapter 4“, ma in qualche modo necessaria.

Il male supremo

Rituali che si ripetono da secoli, vittime sacrificali e morti di ogni tipo sono intrappolati in un “mondo” più grande di loro, che torna alla vita nella settimana di Ottobre della Luna Rossa. E tutto parte da una donna e dal suo rapporto con dei antichi. Quella che una volta era una strega buona che non faceva del male a nessuno, venuta a contatto con la cattiveria dell’uomo, si trasforma in un essere dalla malvagità inarrestabile. Una forza impetuosa che annienta tutto alla ricerca di sangue. Matt, voluto dalla stessa per motivazioni ancora sconosciute (tranne quelle prettamente sessuali, N.d.R.), diventa una delle chiavi di volta della storia. Almeno fino a che Flora, la piccola rapita, non viene portata in casa e liberata grazie a Priscilla. Peccato però che il tributo di sangue della casa sia ancora domandato e la donna con la mannaia sia intenzionata a prenderlo da tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *