"

New York Film Festival 2016, chiude un’altra pregevole edizione

Si è conclusa la cinquantaquattresima edizione del New York Film Festival  con una serie di film da recuperare.

Tra i film restaurati di Robert Bresson, Jean Pierre Melville, Edward Yang – per citarne alcuni -, abbiamo selezionato alcuni film da non perdere.

13th, disponibile su Netflix, di Ava DuVernay ha aperto il festival (per la prima volta un documentario ha aperto il festival del cinema di New York) le cui riflessioni assumono una connotazione importantissima alle soglie di un’elezione storica.

the_13th

20th Century Women, di Mike Mills che al suo terzo lungometraggio (ricordate nel 2010 il bellissimo Beginners?) dirige Elle Fanning, Greta Gerwing, Billy Crudup e Anette Bening. Con la solita delicatezza racconta la storia di tre donne nella California del Sud negli anni 70.

20th_centurywomen

Yourself and Yours, di Hong Sang-Soo, dopo diciassette lungometraggi e tre cortometraggi, il regista si cimenta in una storia dolce amara sulle scelte, sulla doppia natura dei rapporti umani e quelli tra uomo e donna tra sorrisi spezzati e risate.

yourselfand_yours

Billy Lynn’s Long Halftime Walk, dopo Vita di Pi Ang Lee ritorna prepotentemente alla sperimentazione con la tecnologia. Ang Lee gira in 3D nativo, 120 fotogrammi al secondo e digitale 4K. E’ la storia di un soldato diciannovenne accolto insieme alla sua squadra come un eroe dopo una battaglia in Iraq; tramite l’approccio tecnico e narrativo del regista si scoprirà qual è la realtà dietro il giovane volto di Joe Alwyn.

billy_lynns

The Lost City of Z, di James Gray alle prese con l’esploratore Percy Fawcett scomparso in Bolivia negli anni ’20.

lostcityof_z

A completare il cartellone con opere presentate in precedenza in altri festival ci ha pensato Jim Jarmusch:  Paterson (con un bravissimo Adam Driver) e il documentario su Iggy Pop Gimme Danger (entrambi al festival di Cannes). Seguono i nomi di Olivier Assayas con Personal Shopper, Pablo Larraìn con Neruda e Jackie (quest’ultimo al Festival del Cinema di Venezia), Pedro Almodovar (Julieta), Barry Jenkins (Moonlinght) e molti altri.

Anche quest’anno è stata una grande edizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *