erika_lust

Porno, cosa piace alle donne?

Cosa piace alle donne nel porno? Molto di più di quanto si possa immaginare. E’ importante non cadere nell’errore di pensare al genere femminile come a degli essere asessuati che non amano la stimolazione visiva. Vero è però che cercano prodotti di tipo particolare.

Il classico film o video porno eterosessuale difficilmente risulta essere pienamente soddisfacente per la compagine femminile. Nella pornografia esse ricercano una storia ed un approccio che non sia una masturbazione mentale nuda e cruda senza contesto. E’ qui che entra in gioco il porno femminista ed Erika Lust, la regista che rappresenta al meglio questo genere. E attenzione: non si parla di una setta di donne che vogliono prevaricare il maschio attraverso il nudo, ma ad una concezione diversa di pornografia rispetto alla solita dove tutto è asettico e meccanico. Questo genere di film per adulti infatti sottintende una trama e spesso un messaggio di fondo, pur rimanendo un porno. In questo caso però il piacere delle persone che si trovano davanti e dentro lo schermo è accompagnato in maniera corretta da gesti e preparazioni, è lento e duraturo. Ed è semplice in questo modo, per chi guarda, farsi catturare ed eccitarsi.

A seconda della sessualità delle donne poi, si può incontrare una particolare fissazione per il porno gay. E’ innegabile che i video di due uomini o due donne impegnate in un rapporto sessuale o orale possa essere per le donne etero, bi o pan particolarmente eccitante. Come sempre sono gli approcci a fare la differenza. Il porno femminista, è indiscusso, sale sul podio delle preferenze. E particolari nicchie o gusti conquistano il resto. L’importante è che si tratti di materiale intelligente: uno dei maggiori organi sessuali/erogeni delle donne è il cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *