"

The Open: l’incredibile esordio di Marc Lahore

the_open

The Open è l’incredibile film di esordio del giovane regista francese Marc Lahore.

Siamo in un futuro prossimo, in cui scoppia una guerra mondiale. I protagonisti sono tre persone: una campionessa di tennis, il suo coach ed un giovane ex-soldato.

La campionessa ed il coach, nonostante la guerra e nonostante siano persi in mezzo alle Highlands scozzesi, continuano imperterriti a creare schemi tennistici e a giocare partite immaginarie di un fittizio Roland Garros. Il ragazzo presto capirà che per loro, quello è l’unico modo per rimanere ancorati alla realtà.

Per quanto The Open possa avere una sinossi così particolare da essere paradossale, è tutto tranne che una commedia.

Marc Lahore esordisce in maniera straordinaria con un film toccante ed avvincente. Un film che parla di speranza e della perdita di essa, della voglia di lottare di fronte ad un mondo oscuro. Un film che lascia col fiato sospeso commuovendo il pubblico fino alla fine e che  merita un posto in qualunque festival cinematografico.

Grande lode va anche ai tre protagonisti: James Northcote, Maia Levasseur-Costil e Pierre Benoist.

Durante l’intervista al Trieste Science+Fiction Festival il giovane regista appare emozionato ma simpaticissimo, ed ha commentato ironicamente così l’esperienza:

‘Come potete immaginare, è un film low budget. Figuratevi che eravamo in tutto 9 persone! 8 persone, 8 guerrieri mi hanno seguito in questa avventura, diventando così i miei amici e la mia seconda famiglia. Se volete un consiglio però…non andate a girare in Scozia! Le ambientazioni sono incredibili, però il resto no: abbiamo preso tanta acqua, visto tempeste, maree e per ben due volte siamo rimasti impantanati nelle sabbie mobili!’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *