"

Che Mostra che Fa: le principali mostre italiane di novembre

I colori d’autunno ancora caldi e vibranti, ci accompagneranno in un novembre ricco di appuntamenti con l’arte, tra inaugurazioni, mostre ed eventi. Ecco la nostra selezione assolutamente da non perdere!

Milano

Jean-Michel Basquiat in mostra fino al 26 febbraio 2017 al MUDEC, Museo Delle Culture

L’esposizione curata da Jeffrey Deirch e Gianni Mercurio racconta la breve ed intensa carriera  dell’ artista “maledetto” attraverso 140 lavori realizzati tra il 1980 e il 1987. Basquiat ha saputo intrecciare l’energia urbana alla dolorosa questione razziale, acquisendo un ruolo fondamentale nella storia contemporanea americana.

Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco, fino al 26 febbraio 2017 al Palazzo Reale

La rassegna mette in evidenza i rapporti del grande pittore fiammingo con l’arte antica, la statuaria classica, e soprattutto i grandi maestri del Rinascimento, sottolineando l’influenza di Rubens sugli artisti italiani protagonisti del Barocco, come Bernini, Lanfranco o Pietro da Cortona.

rubens

Hokusai – Hiroshige – Utamaro. Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente, fino al 29 gennaio 2017 Palazzo Reale

Una selezione di 200 xilografie policrome e libri illustrati mette in evidenza l’abilità e l’eccentricità dei tre grandi maestri dell’ukiyo-e.

kk

Torino

Toulouse – Lautrec. La Belle Epoque, fino al 5 marzo 2017 Palazzo Chiablese

Attraverso una selezione di 170 opere provenienti dall’Herakleidon Museum di Atene, il percorso illustra l’arte eccentrica e la ricercata poetica anticonformista e provocatoria di uno degli artisti oggi più apprezzati e ammirati considerato il più grande creatore di manifesti e stampe tra il XIX e XX Secolo.

Brueghel. Capolavori dell’Arte Fiamminga, fino al 19 febbraio 2017, Reggia di Venaria

Le opere esposte attraverso sette sezioni ripercorrono la storia della dinastia dei Brueghel, attiva per oltre due secoli  che divenne un marchio d’eccellenza nell’arte pittorica.

PROTOBALLA. La  Torino del giovane Balla, fino al 27 febbraio 2017  GAM Galleria Civica d’Arte Moderna

La mostra offre un ritratto della scena artistica torinese degli inizi del Novecento in relazione alla formazione e alle amicizie di Giacomo Balla, e si pone come un approfondimento di uno dei capitoli ancora poco indagati della vita del pittore, un ideale complemento alla mostra FUTURBALLA alla Fondazione Ferrero di Alba.

Verona

Picasso. Figure (1906 – 1971), fino al 12 marzo 2017 AMO Arena Museo Opera

Con un corpus di oltre 90 opere, l’esposizione propone un percorso che esplora un’opera per ogni anno della vita di Pablo Picasso nell’arco temporale che va dal 1906 fino agli anni ‘70. Pitture, sculture e arti grafiche raccontano la metamorfosi dell’artista che rappresenta il corpo umano attraverso le fasi del pre-cubismo, del Cubismo, l’età Classica e il Surrealismo, fino a giungere agli anni del dopoguerra.

picasso

Maya. Il linguaggio della bellezza, fino al 5 marzo 2017, Palazzo della Gran Guardia

La rassegna presenta oltre 250 reperti fra sculture in pietra, stele monumentali, elementi architettonici, figurine in terracotta, vasi, maschere in giada, collane, orecchini, strumenti musicali, incensieri, che daranno al visitatore la possibilità di esplorare gli aspetti artistici di una delle civiltà più affascinanti dell’America precolombiana.

Treviso

Storie dell’Impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin, fino al 17 aprile 2017 Museo di Santa Caterina

140 opere raccontano il linguaggio nuovo dei giovani impressionisti, e prima di loro dei pittori della scuola naturalistica di Barbizon. Un’esperienza storica che si esprime in parallelo, e simultaneamente riporta lo spettatore nelle strade di Parigi ad emozionarsi in un percorso tra capolavori che hanno segnato una delle maggiori rivoluzioni nella storia dell’arte di tutti i tempi.

Rovereto

Umberto Boccioni. Genio e Memoria, fino al 19 febbraio 2017 MART, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto

Nella ricorrenza del primo centenario della morte di Umberto Boccioni (1882-1916), il Comune di Milano e il Mart di Rovereto celebrano l’artista con due mostre che ne evidenziano, alla luce anche di documenti inediti, il percorso artistico e la levatura internazionale. Alla grande mostra a Palazzo Reale (23 marzo-10 luglio 2016) farà eco la mostra al Mart (5 novembre 2016-17 febbraio 2017).

Bologna

La Collezione Gelman: Arte Messicana del XX secolo. Dal 19 novembre al 26 marzo 2017,  Palazzo Albergati

Il Messico descritto attraverso le opere e le testimonianze di Frida Kahlo, Diego Rivera, Rufino Tamayo, Maria Izquierdo, David Alfaro Siqueiros, Angel Zarraga.

Roma

Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni, fino al 29 gennaio 2017, Complesso del Vittoriano – Ala Brasini

Più di mille pezzi esposti, tra gadget, modellini e stampe d’epoca mettono in mostra un percorso cinematografico che ricostruisce i personaggi e le scene memorabili di quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali.

Antonio Ligabue, dall’11 novembre all’8 gennaio 2017, Complesso del Vittoriano – Ala Brasini

L’esposizione dedicata al genio tormentato originario della Svizzera tedesca, propone un excursus storico sull’opera visionaria e profondamente umana di uno degli artisti più interessanti del Novecento.

ligabue

Artemisia Gentileschi, dal 30 novembre all’8 maggio 2017, Palazzo Braschi 

Una delle artiste più appassionanti approda a Roma attraverso circa 90 opere provenienti da tutto il mondo che svelano la vita e l’arte di Artemisia Gentileschi in un arco temporale che va dal 1610 al 1652.

Napoli

Steve McCurry. Senza confini, fino al 12 febbraio 2017, PAN Palazzo Arti Napoli 

La mostra presenta il nucleo essenziale degli scatti più famosi insieme ad alcuni lavori recenti e ad altri esposti per la prima volta, promuovendo il lavoro “senza confini” del fotografo americano, che ha saputo cogliere e raccontare con straordinaria intensità il sentimento umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *