"

I Medici: la bellezza di una originale serie televisiva

Ieri si è conclusa la prima stagione della serie televisiva anglo-italiana I Medici, composta da 8 puntate.

Creata da Frank Spotnitz e Nicholas Meyer e diretta da Sergio Mimica-Gezzan, la serie vede un notevole cast di attori inglesi e italiani con la partecipazione straordinaria anche di Dustin Hoffman.

Nel cast tra gli altri ci sono Alessandro Sperduti, Guido Caprino, Alessandro Preziosi, Valentina Bellè, Miriam Leone, Valentina Cervi, Sarah Felberbaum, Giusy Buscemi, Stuart Martin, Lex Shrapnel, James Murray, Brian Cox e i talentuosi protagonisti Richard Madden nel ruolo di Cosimo de’ Medici e Annabel Scholey nel ruolo della moglie Contessina de’ Bardi.

Paolo Buonvino firma la colonna sonora e la sigla è il brano Renaissance interpretato dalla cantante Skin.

A tutti questi onorevoli presupposti non potevano mancare critiche da parte dei soliti “insoddisfatti senza un valido motivo” e anche dai veri discendenti della dinastia de’ Medici che si sono visti rappresentati come assassini e persone fredde.

Portare sullo schermo una storia così importante non era facile ma la sfida, nonostante tutto è stata vinta. La narrazione è stata adattata alla televisione, un pò romanzata ma gli attori hanno mostrato tutti le loro incredibili qualità, soprattutto Madden e Scholey.

A vincere notevolmente su tutto e tutti in questa serie è proprio lei: Contessina. Mostrare una donna così forte e determinata nel proteggere il marito Cosimo, che la tratta spesso con freddezza e umiliandola in più occasioni, e uscirne sempre vincente e positiva, non è facile. E in effetti forse Cosimo senza sua moglie non sarebbe stato ciò che era.

I Medici è una serie televisiva valida, con le sue imperfezioni ma con una originale bellezza che in questo momento era necessario scoprire e esplorare.

E’ già stato annunciato che ci sarà una seconda stagione incentrata su Lorenzo il Magnifico, nipote di Cosimo de’ Medici e figlio di Piero.

Applausi dunque. Applausi. E attendiamo novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *