"

Scollatura fuori moda? Il web contro Vogue UK e il suo bando

La scollatura, protagonista indiscussa negli ultimi anni, sta andando in pensione. A dirlo è Vogue UK con un articolo di Kathleen Baird-Murray, in cui l’autrice si domanda che fine abbiano fatto le scollature nelle nuove collezioni. Infatti, da Prada a Gucci, dalle sfilate al red carpet, sempre più designers stanno coprendo maggiormente il seno per lasciar scoperta schiena, pancia e gambe. Il magazine britannico fa anche notare come sia diminuita nei negozi la richiesta e la vendita di reggiseni push-up e Wonderbra e quindi la voglia di molte donne di mettere al primo posto la praticità più che l’apparenza. E mentre ci si interroga sulla fine di un’era, Elizabeth Saltzman fa guerra al web e ad Instagram. Per quest’ultima il vero problema è il tempo minimo in cui si finisce su Internet, prendendo l’esempio di una attrice presentatasi ad un evento con una scollatura vertiginosa e il cui seno è stato postato su qualsiasi social network in tempo record. Quindi pare ci sia anche la voglia di evitare commenti banali e volgari, sempre più frequenti, dietro a questa scelta rivoluzionaria.

E mentre Vogue si interroga su i “come” e i “perché”, proprio sul web scoppia la polemica dopo il sondaggio sull’account Twitter del magazine in cui viene chiesto di votare tra: “se hai il seno, mostralo”, “dipende dall’oufit”, “la scollatura è morta”.

scollatura_2

Gente inferocita sostiene che ognuno debba mostrare quello che vuole, e che il magazine, nel 2016, non può determinare come una persona possa vestirsi o che ci si debba vergognare di mostrare quello che madre natura ci ha donato. Ma anche chi ha detto che il seno grosso non potrà mai passare di moda e chi pensa che, come per tante altre cose, sarà una pausa e non un addio.
A prescindere dai sentimenti personali sulla questione, rimane il fatto che la scollatura vertiginosa sta lasciando il posto ad altre parti del corpo, e chissà se il cambiamento alla fine possa risultare positivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *