"

Nick Cave & the Bad Seeds: Magneto, il nuovo video

A distanza di tre anni da Push the Sky Away il  leggendario gruppo australiano ha rilasciato a settembre il sedicesimo album, Skeleton Tree su Bad Seed Ltd.

Accolto favorevolmente dalla critica di tutto il mondo Nick Cave ha sviscerato nell’album se stesso e il senso di tragedia che aleggia sulla sua vita: la morte del figlio di 15 anni, Arthur, precipitato da una scogliera nel luglio del 2015.

Magneto è il quarto video rilasciato dalla band, dopo Girl in Amber, Jesus Alone e I Need You. Anche in questo bellissimo pezzo ritroviamo le immagini in bianco e nero tratte da One More Time With Feeling, il film di Andrew Dominick incentrato sulla lavorazione proprio di Skeleton Tree. Magneto è lo specchio delle angosce di Cave, visioni nate da incubi reali: le luci stroboscopiche accentuano il dramma con un’atmosfera oscura e, a tratti, opprimente della canzone. Permane la sensazione che l’essenziale, ciò che è davvero importante per l’artista, rimanga volutamente fuori dalla scena o, “abbandonato” nel contrasto tra bianco e nero, eliminando qualsiasi zona grigia: tutto o niente perché, d’altra parte, questo è il racconto di un padre che, contro ogni legge della natura, sopravvive al figlio e a un dramma dove non c’è catarsi. Quando a un certo punto canta “I love, you love, I love, you love, I laugh, you love” sembra quasi di ascoltare Van Morrison in Madame George (l’album Astral Weeks) e tutta la sua arresa dinanzi all’ineluttabilità del proprio destino.

In questo brano troviamo il verso che ha dato il titolo al documentario di Andrew Dominick “One More Time With Feeling”.

Sono passati quasi quarant’anni dalla prima formazione di Nick Cave ne I Boys of the Next Door (Rowland S. Howard, Mick Harvey, Tracey Pew e Phillip Calvert), ma dalla morte di suo padre, Nick sembra portarsi addosso il marchio del dramma.

Il docu-film, proiettato in esclusiva il 27 e 28 settembre 2016 e presentato anche alla 73esima Mostra di Venezia, tornerà nelle sale dal primo dicembre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *