"

Il ritorno di Hayao Miyazaki: pronto per un nuovo lungometraggio

Il successo arrivato con Nausicaä della Valle del Vento non ha conosciuto arresto di alcun tipo fino al 2013, quando Hayao Miyazaki annunciò il suo ritiro.

Durante la 70ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, con la presentazione di Si alza il vento, confermava l’inconciliabilità dei tempi di realizzazione di un film con l’età avanzata.

Si alza il vento sembrava la summa di tutti i temi cari al regista e il perfetto commiato a un’intera filmografia elegante che aveva fatto innamorare intere generazioni di spettatori.

Da Il mio vicino Totoro,  passando per il successo della Principessa Mononoke e La città incantata Hayao Miyazaki ha costruito una geografia tutta personale sui valori che hanno governato la sua vita: l’amore, il ruolo della donna, l’odio per la guerra, l’ambientalismo,  il difficile passaggio dall’infanzia all’età adulta, l’amicizia, la solitudine e poi il volo che ha contraddistinto film come Nausicaä, Porco Rosso, Il Castello errante di Howl e, infine, Si alza il vento.

Kemushi no Boro (Boro the Caterpillar) dovrebbe chiamarsi il nuovo lungometraggio del leggendario autore giapponese.  Sul canale NHK, dove è andato in onda lo speciale The Man Who Is Not Done: Hayao Miyazaki, lo stesso regista ha dichiarato che il corto realizzato per il Museo Ghibli (appunto Boro the Caterpillar, 12 minuti) non lo ha soddisfatto appieno.  Lo scorso agosto avrebbe presentato la proposta per trasformare il corto in un lungometraggio. Non è stata realizzata ancora una vera e propria sceneggiatura, ma per l’uomo sarebbe un grande traguardo riuscire a finire il film nel 2019 (ha anche ammesso che, probabilmente, potrebbero volerci cinque anni di lavorazione), proprio prima delle Olimpiadi a Tokyo nel 2020.

“Non ne ho ancora parlato con mia moglie,” ha detto Miyazaki, “ma quando lo farò sarò pronto per morire nel bel mezzo della produzione!

Ricordiamo che Hayao Miyazaki ha vinto due Oscar (uno alla carriera nel 2015 e uno per La Città incantata nel 2003).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *