"

Jesus Christ Superstar, il flop di Sebastian Bach

Quasi sempre non vi è niente di più emozionante e bello di una contaminazione rock tra artisti e musical. Tranne quando tutto ciò coinvolge Jesus Christ Superstar e Sebastian Bach. In questo caso, senza nulla togliere al cantante, non si può che essere puristi del genere e gridare allo scandalo.

Quella di Gesù in Jesus Christ Superstar è una parte molto intensa e specifica che richiede una forte espressività e delle doti canore spiccate: il range deve essere molto ampio e l’attore/cantante deve riuscire a toccare delle note molto alte. E’ parte dello standard nato in seguito all’aver avuto Ted Neeley come protagonista del film negli anni ’70 ed in molte tournée teatrali nel mondo, Italia compresa di recente.

Sebastian Bach, noto al pubblico per essere stato il leader degli Skid Row non ha nulla da invidiare a nessuno in quanto a estensione vocale, ma ha un bel po’ di strada ancora da fare in quanto ad espressività di stampo teatrale. O meglio, possiede una filosofia artistica che mal si sposa con il ruolo di Gesù in Jesus Christ Superstar. In rete è facilmente ascoltabile una sua versione di Gethsemane della sua permanenza nel tour nazionale a cavallo tra il 2002 ed il 2003. E sebbene sarebbe interessante poter ascoltare o vedere l’intero spettacolo quello che è immediatamente evidente è che un pubblico che ama e venera Jesus Christ Superstar può sicuramente adattarsi ad scenografie particolari e visioni anacronistiche, ma difficilmente saprà accettare contaminazioni heavy metal in una delle canzoni simbolo del musical. E’ praticamente impossibile.

L’effetto purtroppo non è dei migliori. Ed è per questo che, nonostante una magnifica interpretazione in Dr. Jekyll e Mr. Hide ed in The Rocky Horror Picture Show, la carriera di Sebastian Bach a Broadway non è stata lunga tanto quanto la sua voce poteva effettivamente concedergli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *