"

SAG Awards: un red carpet bianco, nero e metallizzato

SAG_Awards

I SAG Awards dello scorso weekend hanno fatto notizia per vincitori e discorsi avvenuti sul palco. A vincere sul red carpet però sono state le star che hanno optato per la semplicità del bianco e del nero, ma anche chi ha puntato sui colori metallizzati o forme geometriche lineari e sono state poche le eccezioni. Tra gli outfits più belli niente gonne vaporose o abiti in stile principesco, molti previsti per la notte degli Oscar.

Il bianco è un colore difficile da portare. Non a tutte sta bene con la propria carnagione e si rischia di sembrare ad una sfilata di abiti da sposa o provocare l’effetto meringa stile Natalie Portman. Per nostra fortuna Viola Davis non sbaglia mai e ha scelto un favoloso abito senza spalline di Vivienne Westwood Couture, perfetto per le sue forme. Kirsten Dunst ha optato per un vestito dalle linee più morbide di Dior con scollo a balconcino con spalline argentate. L’effetto tattoo è uno dei trend di stagione e Julie Bowen ha deciso di indossarlo dalla testa ai piedi grazie a J. Mendel.

SAG_Awards_2

Con il nero non si sbaglia mai! Non è sempre detto ma ai SAG Awards se usato bene rimane un colore simbolo di eleganza. Amy Adams ha scelto un total black firmato Brandon Maxwell. Emma Stone ha preferito osare con un abito di Alexander McQueen impreziosito da fiori bianchi. Stile futuristico con collo monospalla per Thandie Newton in Schiapparelli Haute Couture.

SAG_Awards_3

Il tocco di colore sul red carpet di SAG Awards arriva nelle fantasie più accese. Yara Shahidi in Naeem Khan e le sue linee geometriche colorate ne sono un esempio. Verde metallizzato per Nicole Kidman, anche se il suo Gucci verrà ricordato per le spalline a forma di pappagallo. Linee dritte in colori più neutri per Michelle Dockery in Elie Saab. Look total red per Sophie Turner in Louis Vuitton, designer usato anche da Michelle Williams per il suo abito oro e argento.

One thought on “SAG Awards: un red carpet bianco, nero e metallizzato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *