Salvador Sobral e Martina Bàrta

Eurovision 2017: Portogallo e Repubblica Ceca

Sia il Portogallo che la Repubblica Ceca prenderanno di petto l’Eurovision 2017 con la loro personale e interessante espressione di jazz: sarà curioso vedere sul palco Salvador Sobral e Martina Bárta sfidarsi all’ultima nota su due brani molto particolari.

Salvador Sobral, con la sua Amar pelos dois, offre al pubblico una canzone nella sua lingua d’origine molto melanconica e vecchio stile che si adatta perfettamente alla sua voce e alle sua capacità di toccare note alte con facilità: un brano perfetto per essere proposto all’interno di un film d’amore anni ’60 struggente e coinvolgente al punto giusto.  Sul ragazzo, a dire il vero, non vi sono perplessità artistiche quanto di tipo personale: nelle prime due prove generali sul palco infatti sarà sostituito, con il beneplacito dell’organizzazione dell’Eurofestival 2017, dalla sorella Luisa. Inizialmente si era pensato fosse un’occorrenza dovuta a precedenti impegni artistici del cantante mentre nelle ultime ore, nonostante le smentite del giovane, si parla sempre di più di problemi di salute che potrebbero essere addirittura di natura cardiaca.

My Turn di Martina Bárta esplora velatamente quelle che possono essere definite atmosfere jazz, ma lo fa con un twist più moderno che richiama molto la musica di Adele, risultando quindi decisamente più pop e sicuramente meno complicata alle orecchie di un ascoltatore casuale. La sua voce ricca e profonda rende il brano davvero apprezzabile e in grado di conquistare l’attenzione. Tra i due, la giovane sembrerebbe la favorita: è però realtà assodata che il pubblico dell’Eurovision è il più imprevedibile che possa esistere e a seconda di come andranno le esibizioni sul palco si potrebbero avere differenti risultati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *