"

Daniil Kvyat: lo zar torna sul suo circuito con buoni propositi

Daniil Kvyat torna dopo un anno sul circuito di casa con dei buoni propositi e la carica giusta per riscattarsi. Lo scorso anno il suo ultimo Gran Premio lo aveva fatto con la Red Bull. Dopo i contatti con Sebastian Vettel, seguiti dalle polemiche di quest’ultimo, il russo è stato “retrocesso” in Toro Rosso. Lo scambio ha dato la possibilità a Max Verstappen di salire in Red Bull e diventare l’enfant prodige che oggi conosciamo.

Oggi Daniil Kvyat torna sull’Autodromo di Sochi dopo un anno tormentato e con il ricordo ancora vivido nella sua mente. Ci ha giocato su anche nelle varie interviste. “Sebastian (Vettel) è la prima cosa che mi viene in mente se penso alla Russia. Mi piace silurare Sebastian, è un mio hobby”. Ovviamente specificando subito dopo di scherzare, per evitare fraintendimenti. Ma la questione è stata così tanto chiacchierata che per il GP di Russia gli è stato fatto un nuovo casco con l’immagine del pilota a cavallo di un siluro.

Il pilota russo ha comunque molte aspettative per questo weekend. Ha detto in varie interviste di aver notato l’evoluzione di questo Gran Premio, sebbene sia un circuito nuovo, soprattutto a livello di pubblico. Spera anche di vedere un’alta affluenza domenica per la gara e che questa sia molto interessante per gli spettatori. Una settimana molto impegnativa per Daniil Kvyat. Questa è la sua patria, essendo nato in Russia e per l’esattezza ad Ufa, capitale della Repubblica di Baschiria. Come per ogni altro pilota in gara nella propria nazione, lo ha visto impegnato in varie attività tra Mosca e Sochi, compresa la presentazione del suo libro mercoledì scorso, nel giorno del suo 23° compleanno.

Il libro “Daniil Kvyat. Path to F1” è principalmente sulla sua carriera prima della Formula 1. Un viaggio all’interno del processo attraverso il quale i giovani devono passare per crescere e diventare piloti. Scritto da Oleg Karpov, giornalista sportivo russo, racconta la storia del giovane pilota dalle corse con i kart fino al suo primo ingaggio con la Toro Rosso. Per il momento esiste solo la versione in russo del libro, ma potrebbe arrivarne una in italiano per il GP di Monza. D’altronde il pilota è in parte legato alla nostra penisola. Oltre a saper parlare molto bene la nostra lingua, insieme a inglese, spagnolo e russo, vive a Roma con la sua famiglia da anni.

Il suo inizio di stagione è stato buono, piazzandosi al nono posto in Australia. Problemi tecnici alla monoposto lo hanno visto ritirato in Cina e al dodicesimo posto in Bahrain. Sono buone anche le aspettative per il week end di Daniil Kvyat. Negli scorsi anni è riuscito ad arrivare a punti solo con la Red Bull nel 2015, in una brillante stagione che lo ha visto al settimo posto nel mondiale. Durante la scorsa stagione, i problemi del passaggio dalla Red Bull alla Toro Rosso hanno fatto si che il suo campionato non fosse tra i migliori. Ma il suo terzo posto in Cina ha permesso al russo di arrivare al quattordicesimo posto nella classifica mondiale, un posto sopra la sua performance del 2014. Sembra essersi ripreso in questo avvio di stagione, sebbene abbia anche ammesso di non avere una grande amicizia con il compagno di scuderia Carlos Sainz Jr.

A noi non resta che augurare il meglio al pilota russo per la sua gara di domenica e vi aspettiamo per il commento sui vincitori del GP di Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *