"

Formula 1: Valtteri Bottas vince il Gran Premio di Russia

La Formula 1 incorona un nuovo zar di Russia: Valtteri Bottas.

Per il finlandese è la sua prima vittoria in carriera che arriva da un weekend non proprio positivo per la Mercedes. Dietro di lui Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. La Ferrari era riuscita nell’impresa di avere due piloti in prima fila in partenza, cosa che non accadeva da parecchi anni. Bottas ha fatto una gran partenza, sorpassando entrambe le rosse e diventando leader della gara. Bella anche il testa a testa con Vettel negli ultimi giri, quest’ultimo penalizzato un po’ dai doppiati in pista.

WIN NUMBER ONE: Congratulations, @valtteribottas! Great duel with #SebastianVettel in the final laps #F1 #Formula1 #RussianGP #ValtteriBottas #Mercedes #Ferrari

A post shared by FORMULA 1® (@f1) on

Gli anonimi

Week end da dimenticare per il tre volte campione del mondo Lewis Hamilton. Il pilota non ha migliorato la sua posizione di partenza, arrivando al quarto posto. Il circuito di Sochi è sempre stato dominato dalla Mercedes ma in questo fine settimana l’inglese non è riuscito a brillare. Piccoli problemi durante le prove libere e una qualifica anonima, così come la sua gara. Oggi un surriscaldamento alla monoposto che gli ha fatto perdere secondi importanti.
Dietro di lui Max Verstappen e la crisi che sta avendo la Red Bull dall’inizio del mondiale. Voci annunciavano la scuderia austriaca tra le favorite per il titolo costruttori in Formula 1. Ma anche oggi non sono riusciti a concludere la gara con entrambi i piloti in pista. I problemi al surriscaldamento dei freni hanno portato prima ad un ritiro di Daniel Ricciardo e di conseguenza ha fatto rallentare Verstappen.

La Honda che proprio non ce la fa

Inizio non-inizio per Fernando Alonso, che starà già dimenticando la Formula 1 per dedicarsi alla Indy Car. La McLaren-Honda continua a dare così tante delusioni. La macchina dello spagnolo si è fermata nel giro di ricognizione e la rabbia del pilota è stata fin troppo evidente. Nella scorsa gara si lamentava del calo di potenza, oggi non è proprio partito.

La Sauber ha annunciato di voler prendere per il 2018 proprio questo motore. Sarà la scelta giusta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *