"

Empire 3X18: al cuor non si comanda

Se c’è una cosa che non si può negare a proposito della 3×18 di Empire è che sia stata piena di colpi di scena: l’unica vera certezza dell’intero episodio è stata infatti la lucida pazzia di Grandma Lyon. L’anziana ma arzilla donna è più folle di tutta la sua famiglia messa insieme: ed anche la più furba.

L’avevamo lasciata con il corpo del figliastro morto tra le braccia di Lucious, non immaginando che nel giro di pochissime scene potesse essere in grado non solo di disfarsi del cadavere ma anche di togliersi dalle scatole e con sagacia la “nuora” ingombrante la quale, sebbene sia stato impossibile capire come, è stata in grado di trovare la figlia. E di convincere in qualche modo un Hakeem riscopertosi padre, di vendere l’anima al diavolo: ovvero alla famiglia Debois.

Quel che era apparso immediatamente chiaro, fin dal trailer del finale di stagione la scorsa settimana, era che Lucious e Cookie avrebbero ritrovato modo di stare insieme: quel che nessuno si aspettava è che sarebbe successo platealmente con Giuliana mollata su due piedi davanti a tutti, una canzone d’amore cantata dal magnate alla sua anima gemella ed una vera e propria esplosione.  Di questo, va detto, è necessario ringraziare Andre, il quale ricorda di dover fermare i tentativi di uccisione del padre solo dopo che lo stesso, ebbro d’amore per la sua Cookie, decide di non volerla perdere e di viaggiare con lei per il mondo lasciando l’impero nelle mani del figlio maggiore.

Tutto sembra perfetto, fino a che Andre non inizia a chiamare a gran voce il padre e Lucious, intuendo il pericolo imminente, che spinge via Cookie poco prima che la macchina nella quale stavano entrando esploda. Nessuno rimane ucciso ma a causa della deflagrazione Lucious entra in coma e quando riapre gli occhi davanti ad una Demi Moore terapeuta d’assalto… diventa chiaro a tutti che non sa nemmeno chi sia lui stesso. Un finale per la terza stagione di Empire che in ben pochi avrebbero indovinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *