"

Come essere dei buoni genitori

Come essere dei buoni genitori? Questa è la domanda che qualsiasi coppia si pone nel momento in cui un figlio grazia la sua vita. E la vera risposta è che tutto è un work in progress e quindi si avranno momenti in cui si potrà sbagliare ma molti altri nei quali si sarà fatta la cosa giusta, conquistando in questo modo l’amore dei propri figli e riuscendo allo stesso tempo ad educarli al meglio.

Non esistono purtroppo delle vere e proprie istruzioni per imparare a gestire la propria progenie: si tratta di un lavoro a tempo pieno che deve adattarsi a quello che è il carattere della stessa ed alle condizioni generali nelle quali la famiglia vive. La cosa importante è che il bambino venga tenuto in considerazione come primaria preoccupazione e che il resto venga pianificato avendo in mente il suo bene. E non solo: una buona gestione dello stress da parte degli adulti è basilare. I piccoli sentono il bisogno di un ambiente stabile e privo di scossoni dato da un concreto rapporto positivo della coppia che non solo dovrà essere capace di risolvere in modo maturo i propri problemi, specialmente davanti ai figli, ma dovrà altresì essere capace di fornire agli stessi affetto in modo costante e giusto. Questo significa passare del tempo con loro, condividere delle attività ma al contempo dare delle regole ed un’educazione che possa formare in maniera adeguata il carattere, instillando sicurezza nei bambini riuscendo però allo stesso tempo a non viziarli o a renderli meno sensibili alle persone attorno a loro.

Essere buoni genitori significa dare ai propri figli la capacità di crescere in un ambiente protetto ma libero nel quale formarsi, con certezze economiche il più possibile salde ma senza vizi e ancora assicurare loro una formazione corretta fatta sì di premi quando necessario ma anche di punizioni. Non è impossibile riuscire: di questo è necessario essere certi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *