Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Le ossa di pollo, la più grande impronta dell'uomo sulla Terra
Gli alberi sacri dell'Africa muoiono e non si sa per quéSeñales di una nuova era nella struttura più solitario mundoCalculan l'enorme peso di tutto quello costruito dall'uomo sulla Terra

Migliaia di paleontologi setacciare continuamente i cinque continenti alla ricerca di resti fossili, ossa, pietrificata di specie antiche, che rivelano come è stato il passato della Terra. Lo studio di queste ossa, le loro forme, le loro proporzioni, e, sempre più, il loro DNA, e fornisce ai ricercatori una finestra per tempi preistorici, e permette loro non solo di sapere di quale specie dominato il mondo in un dato periodo di tempo, ma per stabilire i rapporti che esistevano tra queste creature, come si sono evoluti, l'ambiente in cui vivevano e, con l'aspetto di un uomo, scopri anche come ha influenzato la nostra stessa evoluzione.

Oggi, solo una specie, la nostra, è stata eretta in assoluto padrone del pianeta. A tal punto che i geologi hanno soprannominato Antropocene il tempo presente, marcato a fuoco l'impatto dell'uomo , la cui influenza in molti dei processi geologici della Terra è stato reso chiarissimo.

E ora, un team di ricercatori dell'università britannica di Leicester, in collaborazione con l'università di Nottingham e dal nord-ovest, in sud Africa, è stato chiedendo che cosa potrebbe essere la caratteristica di definizione di questa nuova era. O, in altre parole, quali sarebbero i paleontologi del futuro, quando alla ricerca di resti fossili dell'Antropocene per consentire loro di comprendere il nostro tempo.

La risposta è stata travolgente: le ossa di pollo . Che sarebbe, secondo lo studio recentemente pubblicato sulla rivista della Royal Society Scienza Aperta, è uno dei marchi più lunga durata del passaggio dell'uomo dalla Terra , che è il segno distintivo dell'Antropocene. Negli occhi di paleontologi del futuro, le ossa di pollo vorresti apparire improvvisamente e sono ovunque nei resti fossili, e avrebbe alluvione, letteralmente, un gran numero di depositi fossili. Anche quando gli esseri umani hanno lasciato il pianeta, la marca, più duratura del nostro passaggio attraverso il mondo continuerà ad essere una grande quantità di ossa di pollo nei resti fossili del nostro tempo.

22.700 milioni di copie

"Le tendenze del consumo umano -si può leggere nell'articolo - hanno spinto i cambiamenti senza precedenti nella biosfera della Terra. Popolazioni di gruppi di animali selvatici è precipitata negli ultimi decenni, mentre la popolazione umana e del bestiame è aumentato. La biomassa degli esseri umani e dei loro animali domestici che ormai supera quello di tutti i vertebrati terrestri selvatici. I polli domésticados (Gallus gallus domesticus) sono un esempio lampante della biosfera, un costrutto umano. Sono i più numerosi uccelli nel mondo, con una popolazione stabile 22,700 milioni di copie". La cifra supera di un ordine di grandezza alla somma delle popolazioni di specie di uccelli selvatici sono più abbondanti.

Secondo lo studio, solo in Europa, la popolazione di polli nel 2009 era di 1.900 milioni di euro, superiore alla somma della popolazione di 144 specie di uccelli selvatici più diffuso. È probabilmente la più grande popolazione di una singola specie di uccelli, in tutta la storia della Terra."

le parole di Carys Bennett, il principale autore della ricerca, "come le specie di vertebrati terrestri più numerosi del pianeta, e con una biologia costruito per gli esseri umani, polli moderni sono un simbolo per le modifiche che facciamo sulla biosfera".

a Causa della loro biologia alterato, polli moderni sono completamente diverso per i suoi antenati, i "selvaggi" . E quelli sono proprio il tipo di dati che riconoscono i paleontologi quando si ricerca per prove di cambiamenti biologici negli ambienti del passato.

morfoespecie

Secondo Mark Williams, professore di Paleobiologia presso l'Università di Leicester e co-autore della ricerca, "questi polli sono un nuovo morfoespecie sviluppato artificialmente, il tipo di cose che riconoscono i paleontologi, e riflettono una biosfera irriconoscibile il suo stato prehumano e ora dominato dal consumo della nostra specie e l'uso delle risorse".

Durante la loro ricerca, gli scienziati hanno confrontato le ossa della moderna polli al supermercato con quelli dei loro antenati di epoca romana. E hanno scoperto che sia lo scheletro come la chimica, l'osso e il DNA dei polli (che a malapena sopravvivere per sei settimane, a causa delle condizioni tecnologicamente controllata della moderna agricoltura) sono radicalmente diverse da quelle dei loro bis-bis-nonni.

Alison Foster, co-autore della ricerca, spiega: "fin dal suo addomesticamento, ci sono state molte razze di polli, strano e bello, ma quello attuale è forse la forma più estrema di tutti. La forma del corpo, la chimica, l'osso e la genetica del pollo, carne di moderno non ha nulla a che fare con quella dei loro antenati selvatici e tutto ciò che vediamo nel record archeologico".

La forma del corpo di questi animali, in effetti, ha cambiato in modo significativo come risultato del loro allevamento selettivo negli ultimi 70 anni, un periodo durante il quale c'è stata una drammatica crescita della domanda di proteine che sono a basso contenuto di grassi. Il motivo per cui la chimica ossa di polli da carne è cambiato così tanto è in gran parte una conseguenza della globalizzazione, della distribuzione alimentare e dieta associata.

Un'altra dieta

Ben Coles, un altro degli autori dello studio, che è stato commissionato per indagare i cambiamenti economici e sociali che stanno dietro al fenomeno, dice che "il cibo consumato da polli, che includono la soia, il mais, il grano, e i pesci che probabilmente è venuto dall'altra parte del mondo, e si sono integrati in un sistema alimentare globalizzato e connesso con l'agricoltura."

Una dieta, quindi, molto diverso da quello che ha seguito il tradizionale gallina cortile fattoria, che si nutrono dei resti della cucina locale. In termini evolutivi, i cambiamenti nella biologia di questi polli moderni si sono verificati estremamente veloce. Nelle parole di Jan Zalasiewicz, un altro dei firmatari della ricerca, "di solito, ci vogliono milioni di anni per farlo accadere che l'evoluzione, ma qui ci sono voluti solo un paio di decenni a produrre una nuova forma di animale che hanno il potenziale per diventare un marchio di Antropocene, e l'enorme quantità di queste ossa di pollo scartato tutto il mondo significa che siamo in grado di produrre un nuovo tipo di fossili per il record geologico".

Non sarebbe strano, quindi, che in migliaia di anni, gli scienziati del futuro, fare riferimento a noi come "i divoratori di pollo".

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.