Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

NOI, le aziende ancora di perforazione in Venezuela affrontare sanzioni rinuncia scadenza
closeVideo

Casa Bianca avverte: il mondo di non fare affari con il Venezuela

Washington impone un pieno embargo economico al regime socialista, per provare a spingere Nicolas Maduro di potenza; Fil Keating rapporti.

L'orologio sta ticchettando sul U.S. ultime piede all'interno del Bolivar settore petrolifero, con questo mese di sanzioni rinuncia a termine per le aziende Americane che operano nel tormentato paese incombe più vicino.

esenzioni concesse a Chevron e quattro di petrolio degli stati UNITI-società di servizi – Halliburton, Schlumberger, Baker Hughes e Weatherford International – lo scorso anno dal governo degli stati UNITI, nonostante gli sforzi per spremere il regime di Maduro, è destinato a scadere il Gen. 22.

che Cosa potrebbe accadere dopo che è maturo per il dibattito. Resta da verificare se il U. S avrebbe dato la luce verde di nuovo a Chevron e i suoi compagni per continuare la perforazione.

Il Dipartimento del Tesoro esteso per due volte la rinuncia, noto come Licenza Generale 8D, l'anno scorso. Ma il Dipartimento di Stato rappresentante speciale per il Venezuela, Elliott Abrams, ammonito all'inizio di questo mese che l'amministrazione è stata esplorare “nuove misure aggiuntive” per spingere Nicolas Maduro, il presidente del paese quale l'U. S smesso di riconoscere come legittimo il leader di un anno fa, optando invece per eseguire opposizione polena Juan Guaidó.

il Segretario di Stato Mike Pompeo, in passato, ha vocalizzato il supporto per le sanzioni di rinunce e come un mezzo per mantenere la presenza degli stati UNITI nella regione e a rendere più veloce la riabilitazione di settore Maduro lasciare l'ufficio.

“Chevron la presenza di ha fatto una grande differenza nel mantenere Maduro in potenza. Molto forte il caso è quello di Chevron, fa che noi vogliamo le aziende Americane ad avere un qualche ruolo nel futuro – che è certamente meglio che lasciare che Russi e Cinesi sostengono che questi beni e di controllo”, Roger Noriega, un ex assistente segretario di stato per l'Emisfero Occidentale, affari e visiting fellow presso l'American Enterprise Institute [AEI], ha detto a Fox News.

VENEZUELA GUAIDÓ COSTRINGE la SUA STRADA IN CONGRESSO TRA la situazione di STALLO

Tuttavia, altri analisti hanno sostenuto che la presenza di tali aziende è stata talmente semplice mantenere aggiornati i di lui al potere.

“Sono [Chevron] aiutare a mantenere elevati livelli di produttività e di produrre miliardi di dollari all'anno per il paese. Chevron... è stato in Venezuela per oltre 100 anni,” ha commentato Ken Mahoney di New York Mahoney Asset Management. “Il fatto che il Venezuela ha grandi raffinerie di petrolio dà Maduro potere di contrattazione con artisti del calibro di U. S, Cina, India e Russia. Questo, a sua volta, genera il solido [prodotto interno lordo] figure e lo mantiene al potere che molto più a lungo. Maduro ha di supporto commerciale con la Cina e la Russia, che gli dà l'appoggio di due delle maggiori potenze economiche del mondo.”

Video

nel mese di novembre, il Venezuela produce una media di 700.000 barili al giorno – un grido lontano da 1,7 milioni di barili di prodotto al giorno, quattro anni prima, lasciando cadere il 32 per cento solo nell'ultimo anno. Questa cifra è destinata a cadere ancora più basso nel 2020, a riprova che le sanzioni degli stati UNITI avevano desiderato paralizzante impatto, dicono gli esperti.

la Chevron ha avuto circa 300 dipendenti in Venezuela e ha partecipato in joint venture partecipazioni affiliati con la compagnia petrolifera statale PDVSA che coinvolgono pesante e extra greggio pesante progetti che comprende oltre 8.800 lavoratori. L'azienda ha investito più di $100 milioni tra il 2006 e il 2018, con la comunità, l'istruzione, la salute e lo sviluppo economico programmi progettati per aiutare le persone che vivono in aree di funzionamento.

se gli stati UNITI consentire le rinunce e decadenza, inducendo quindi Chevron e gli altri a lasciare, è probabile Caracas sequestrano i beni e le offriamo la Russia, la Cina e gli altri alleati entità.

SOLEIMANI UCCIDENDO ACCENDE RUSSIA-VS.-IRAN SCISMA IN SIRIA

Un'intelligenza grafico riportato da Fox News, che individuato blocco del contratto proprietà in Venezuela, ha mostrato la Russia ha avuto 2 milioni di ettari e 6 miliardi di euro, con riserve recuperabili di, la Cina aveva netto di 900.000 ettari e 11 milioni di euro, con riserve recuperabili di, Iran tenuto netto di 600.000 ettari e 2 miliardi di riserve, e Cuba era di 1,3 milioni di ettari e 3 miliardi di riserve.

“Al 30 giugno 2019, il valore di carico degli investimenti della società è stato di circa 2,7 miliardi di dollari, e per il periodo di sei mesi chiuso al 30 giugno 2019, la società ha riconosciuto una perdita di $21 milioni di euro per la sua quota del reddito netto il patrimonio netto affiliati,” Chevron il portavoce Ray Fohr ha detto a Fox News.

Che figura rappresenterebbe la perdita per il gigante petrolifero se Chevron dovesse lasciare.

“Se la Chevron è costretto a lasciare il Venezuela, non le aziende degli stati UNITI riempirà il vuoto, e la produzione di petrolio continuerà,” Fohr avvertito.

Video

Secondo Mahoney, dato che gli USA sono il più grande importatore di greggio Venezuelano, la stima di un danno in conseguenza di sanzioni nel 2019 per l'economia Venezuelana è stato di circa $11 miliardi di euro e in crescita.

Gli stati UNITI, secondo gli analisti, potrebbe scegliere di spremere ulteriormente impostazione secondaria sanzioni attrazioni del calibro di Russia e Cuba, i paesi che sono rimasti fermi nella loro supporto di Maduro e il settore dell'olio. Come si trovava, si stima che il 70 per cento del commercio di petrolio è stato, per volere di Mosca, di proprietà di Rosneft. Anche la cina è rimasto un top acquirente.

Tuttavia, altri analisti hanno sostenuto che sanciva il settore ulteriormente farebbe ben poco per squash olio trasferimenti, che sempre di più hanno avuto luogo “off the grid”. Questo ha comportato navi “spegnersi” spegnendo obbligatorio per la sicurezza transponder come un mezzo per eludere le sanzioni degli stati UNITI che vieta acquisti da Venezuela e PDVSA.

“Abbiamo visto questo che si verificano più frequentemente in tutto il mondo nel corso degli ultimi anni, come la cattiva attori sembrano eludere le sanzioni Internazionali vendita di petrolio. Tutte le petroliere oltre 300 tonnellate lorde sono tenuti ad avere un funzionamento AIS (Automatic Identification System) a bordo”, ha spiegato Daniel Gianfalla, un marittimo internazionale, esperto di sicurezza. “Si tratta di un ottimo strumento per la sicurezza delle navi in mare. Purtroppo, l'AIS può essere disattivato dal serbatoio, per evitare di rotta e di posizionamento di rilevamento, rendendo satellitare e costa depistaggi più difficile. Navi hanno ‘andato scuro’ o scomparsi dal tracking per giorni alla volta, per poi riapparire e caricato su un nuovo percorso.”

che Cosa è successo quando le navi a fare affari con il Venezuela è andato fuori dai radar? Che è stato un vortice di mistero. Una fonte di lavoro nel settore petrolifero, ha detto a Fox News che c'è stato un incremento nell'adozione“, ombroso corrieri prendendo il greggio,” evitando l'inserimento e l'esecuzione di pericoloso “da nave a nave” trasferimenti ad eludere il rilevamento.

“la Mia ipotesi è che la Chevron continuerà a ricevere una rinuncia perché è l'amministrazione che vede questo come un accordo ragionevole per mantenere una società Americana a terra soddisfare i suoi obblighi contrattuali,” Noriega, ha detto. “Che mi dice che non c'è alcun senso di urgenza con la tromba di amministrazione di più.”

Ma, non tutti gli analisti concordato.

“È improbabile che gli stati UNITI possano rinnovare sanzioni dopo l'estensione iniziale rinuncia per 90 giorni. La scadenza del 22 gennaio saranno guardati molto attentamente”, Mahoney proiettata. “Con la [presidenziale] elezioni dietro l'angolo, il Venezuela non sarà di prendere il centro della scena. Il presidente ha un sacco sul suo piatto, e il Venezuela non è una priorità.”

Russia allora Presidente Dmitry Medvedev, a destra, e il suo omologo Venezuelano Hugo Chavez, mostrando i documenti firmati, durante un incontro a Mosca nel 2010. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko, File)

CLICCA QUI PER OTTENERE LA FOX NEWS APP

E, dopo oltre un anno di mai-inasprimento delle sanzioni, il sostegno di un nuovo governo in Venezuela e un pubblico molto push per inviare Maduro, l'imballaggio, il contestato presidente e della sua cerchia sono rimasti a Caracas timone.

“Maduro è riuscito a superare la tempesta, perché i responsabili politici degli stati UNITI sottovalutato il regime e sopravvalutato Bolivar politici. Il regime è stato mai andare a splinter,” Noriega aggiunto. “Cifre chiave dell'opposizione sono state percorrendo con la strategia americana perché hanno pensato che Trump è intenzione di usare la forza militare. Il secondo si rese conto che gli stati UNITI non aveva intenzione di usare la forza, hanno cominciato a coprire le loro scommesse e la messa a fuoco in termini di resa.”

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.