Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Georgia si 'aspettare e vedere se Putin tono più morbido dura

la Georgia, il presidente dice lei "aspetta e vedrai" come un dibattito in Russia su possibili nuove sanzioni contro il suo paese sarà pan fuori, come ha accolto con cautela conciliante commenti da parte del Presidente Vladimir Putin come preferibile a "minacce".

Salome Zurabishvili ha parlato a The Associated Press in un'intervista durante una pausa durante una conferenza era di hosting con i leader Europei — tra cui il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk — il Mare Nero resort città di Batumi.

Zurabishvili, che ha preso l'ufficio per la Georgia, prima donna presidente in dicembre, ha anche risposto alle critiche in Georgia, che sono in errore il suo presunto linea morbida verso la Russia nel corso di una recente escalation delle tensioni, dicendo che è "la sorte di qualsiasi leader politico" a faccia vista opposti.

"io sono qui per proteggere il mio popolo, e nessuno mi darà una lezione di patriottismo," ha detto via Skype.

Ma il suo più puntuali osservazioni sono venuto in risposta al passaggio di osservazioni di questa settimana da parte di Putin, che ha cercato di abbassare la temperatura rifiutando le chiamate a Mosca per fermare il trasferimento di denaro da Georgiani che vivono in Russia e vietare le importazioni di vino georgiano e acqua minerale.

Putin ha detto di non prendere tale azione "fuori il mio rispetto per il popolo georgiano", aggiungendo che "non fare nulla che possa esacerbare le nostre relazioni".

In risposta a Putin osservazioni, Zurabishvili rispose: "Bene, abbiamo intenzione di aspettare e vedere qual è la realtà. Ma preferisco che siano questi i commenti di minacce".

"E da parte nostra siamo certamente pronti a non crescere," ha detto. "E io sarò il primo a chiamare per la de-escalation."

Russia vietato vino e acqua minerale forniture da Georgia, nel 2006, nel mezzo di una politica precedente battibecco, ma il divieto è stato revocato dopo sei anni, e la Russia di nuovo è diventato il N ° 1 destinazione per le esportazioni di vino georgiano.

Putin concilianti parole è venuto pochi giorni dopo il divieto di voli diretti tra i due paesi ha avuto effetto, rovinare i piani di vacanza per molti turisti russi e minacciando una grande ammaccatura in Georgia cruciale dell'industria del turismo.

Zurabishvili ha preso un tono ottimistico, e ha cercato di attirare turisti da altrove.

"sono sicuro che i turisti russi tornerà un giorno — forse prima che poi," ha detto. "La Georgia rimane aperta."

le Tensioni sono aumentate nelle ultime settimane dopo una contestata visita da parte di un russo legislatore per la Georgia, il parlamento ha suscitato proteste in Georgia, e hanno alimentato ulteriormente da un georgiano ospite in TV che la doccia Putin e la fine dei suoi genitori con bestemmie in diretta radiofonica.

Zurabishvili, che è nato e cresciuto in Francia, stava parlando durante il suo ultimo sforzo per rafforzare i rapporti con l'Unione Europea. In una trascrizione del suo discorso in Batumi, ha detto ben quattro quinti dei Georgiani indietro di appartenenza del blocco Europeo, e che il paese è diventato "uno dei più fedeli ed entusiasti" sostenitori dell'UE.

la Russia e la Georgia hanno combattuto una breve guerra nel 2008, dopo che la Russia ha riconosciuto l'indipendenza delle due della Georgia in fuga di repubbliche. Nonostante un congelamento legami politici, più di 1 milione di turisti russi in un anno hanno visitato la Georgia, attratti dalle sue splendide montagne e lussureggianti costa del mare.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.