Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Messico leader dice di aver parlato con Trump di migranti, di posti di lavoro

Messico sinistra del Presidente Andres Manuel Lopez Obrador, disse di aver parlato per telefono mercoledì con il Presidente degli stati UNITI Donald Trump sulla migrazione e la creazione di posti di lavoro.

Il problema è venuto alla ribalta il mese scorso quando una carovana di circa 7.000 migranti arrivati nella città di confine di Tijuana e alcuni hanno tentato di entrare negli Stati Uniti.

"rispettoso e cordiale, e ci ha parlato della questione della migrazione e la possibilità di attuare un programma comune di sviluppo e di creazione di posti di lavoro in America Centrale e del nostro paese," Lopez Obrador, ha scritto nel suo account Twitter.

Il presidente Messicano ha invitato gli Stati Uniti a partecipare a un "Piano Marshall" sforzo per impegnarsi a circa 20 miliardi di dollari in investimenti pubblici e privati, in America Centrale, per creare posti di lavoro, così la gente non ci devono emigrare.

Nonostante le loro differenze in background e politica, il rapporto tra i due leader è stato molto cordiale. Lopez Obrador, che ha preso l'ufficio Dic. 1, ha detto che lui spera di fare la migrazione di una scelta, non una necessità, per i poveri della regione.

Prima di mercoledì, in Messico, la sicurezza in alto ufficiale ha detto che il governo si chiudono gli ingressi illegali a sud del confine con il Guatemala, ma non mi ha detto esattamente come il paese di piani per realizzare questo compito scoraggiante.

il Segretario dell'Interno Olga Sanchez Cordero ha detto che la nuova amministrazione dovrà porre fine alla pratica degli irregolari o illegali attraversamenti sul Fiume Suchiate, che segna molto di confine tra il Messico e il Guatemala.

"Nel sud ci sarà solo una voce, sul ponte," ha detto. "Chi vuole entrare illegalmente, si va a dire: 'mettersi in linea e si può entrare nel nostro paese.'"

Sanchez Cordero non ha offerto dettagli su come dovrebbe essere fatto, tuttavia.

verso la fine di ottobre, le autorità Messicane brevemente cercato di bloccare un migrante carovana di attraversare il fiume con ranghi delle forze di polizia e militari, elicotteri e barche, ma i migranti attraversato in ogni caso.

Sanchez Cordero ha detto che la carovana migranti che hanno attraversato il confine meridionale nel mese di ottobre "non è più un problema".

"sai perché non è più un problema? Perché in questi cinque giorni questa amministrazione ha risolto il problema, per cinque giorni," ha detto, riferendosi alla prima settimana dal Lopez Obrador, ha preso l'ufficio. "Gli Stati Uniti è stato colpito."

La nuova amministrazione ha mobilitato materiale e attrezzature per migliorare le condizioni dei migranti rifugio nella città settentrionale di confine di Tijuana, ma i problemi continuano, perché l'america Centrale, ci sono frustrato dalla lentezza alla quale i funzionari degli stati UNITI sono in corso di elaborazione le richieste di asilo.

Sanchez Cordero ha detto il Messico promuovere un "Natale a Casa", una campagna per incoraggiare molti dei migranti per tornare ai loro paesi d'origine per le vacanze.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.