Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Renault capo frustrato dallo stato francese per pasticcio di fusione

Renault, presidente di mercoledì ha espresso la sua frustrazione con il governo francese per resistere a un contratto di fusione proposto da rival casa automobilistica Fiat Chrysler, e in un momento critico — davanti a ciò che egli vede come una venuta "tsunami" della Cina industria automobilistica.

Jean-Dominique Senard detto una assemblea a Parigi, che "raramente ho visto un progetto di fusione che potrebbe dare tanto positiva sinergia, incredibilmente convalida e robusto."

Ha detto che in una riunione del consiglio convocata per discutere il piano, tutti avevano approvato il piano "con entusiasmo", tranne uno. Membri del consiglio di amministrazione da Renault membri dell'alleanza, Nissan, si è astenuto, ma in un "modo molto positivo."

Senard ha detto che il governo francese, che è Renault, il più grande azionista con una quota del 15%, non aveva condiviso la sua analisi dei vantaggi della fusione "a questo punto."

"posso dire con franchezza che delude me," ha detto.

Senard aperto alla possibilità di riapertura colloqui, dicendo che la fusione proposta "rimane nella mia testa potenzialmente notevole ed eccezionale."

Fiat Chrysler aveva proposto un 50-50 di fusione che avrebbe creato il mondo il terzo più grande casa automobilistica del valore di quasi 40 miliardi di dollari. Ma il ruolo di Nissan, Renault alliance partner di lunga data, era chiaro e il governo francese ha voluto più tempo per sistemare i dettagli. Fiat Chrysler tirato la proposta, citando condizioni politiche in Francia.

Renault alleanza con Nissan è diventato teso dopo l'arresto lo scorso novembre a Tokyo l'ex presidente e amministratore delegato Carlos Ghosn, che non è più in azienda. Ghosn è stato accusato di falsificare i rapporti finanziari in sotto-segnalazione di compensazione e abuso di fiducia nell'avere Nissan Motor Co. di spalla le perdite di investimento e il pagamento di un uomo d'affari Saudita.

Lo sconvolgimento portato ad una ristrutturazione di Renault con la Senard portato e Thierry Bollore diventando il nuovo capo dell'esecutivo.

Mentre la Ghosn saga dominato i titoli dei giornali per mesi, è stata la fusione fallimento che era nella mente di tanti soci mercoledì.

"sono stato sorpreso di vedere FCA (Fiat-Chrysler Automobiles) pongono un ultimatum, dicendo che e 'Prendere o lasciare e non ci permetterà di prendere tempo per riflettere su di esso,'", ha detto Herve Charron, un pensionato di dirigersi verso l'incontro. "È un po' scandaloso. Quando la posta in gioco sono a 30 miliardi di euro, si dispone di pensare e di prendere il vostro tempo."

un Altro azionista di riferimento era più filosofico.

"sono stato molto sorpreso (dopo che le trattative con Fiat-Chrysler sono caduto), ma che di business. La metà di tutte le fusioni andare storto. Questo non può accadere!", ha detto Daniel De Rincquesen.

Rispondendo alle domande degli azionisti fusione fallimento, Senard ha detto che il più ampio contesto di settore è stata fondamentale, in particolare incombente rivalità dalla rapida crescita Cinese dell'industria dell'auto.

"Siamo di fronte ad un periodo in cui la fioritura dell'industria Cinese probabilmente si traducono in una forma di tsunami" nella nostra regione, Senard, ha detto. L'anticipazione e la forza sono essenziali, ha aggiunto.

Senard detto che ha capito subito che una fusione con Fiat Chrysler aveva qualcosa per Renault e l'alleanza tra Renault, Nissan e Mitsubishi.

---

Alex Turnbull a Parigi contribuito.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.