Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Repubblica centro Africana di calcio boss appare globale corte

Il capo di stato della Repubblica centrafricana federazione calcio è apparso alla Corte Penale Internazionale venerdì, per la prima volta da quando è stato arrestato alla fine dello scorso anno in Francia con l'accusa di crimini contro l'umanità e crimini di guerra nel suo paese.

Affiancato da corte guardie durante 30 minuti di udienza, Patrice-Edouard Ngaissona confermato la sua identità e che ha capito i suoi diritti e le accuse contro di lui. Non era tenuto a entrare suppliche.

la Sua difesa francese avvocato, Eric Plouvier, ha detto Ngaissona è stato arrestato durante un viaggio di un passaporto diplomatico. Egli ha affermato che Ngaissona è stato tenuto in una cella sovraffollata di Parigi, senza accesso ai farmaci per il diabete, quindi ammanettato quando messo su un volo per l'Olanda", così i suoi diritti alla dignità non sono stati rispettati".

i pubblici Ministeri a livello globale corte sostengono che Ngaissona led prevalentemente Cristiano milizia conosciuto come l'anti-Balaka per almeno un anno, dal dicembre 2013, quando i combattenti mirati Musulmani in aspro conflitto.

Secondo il suo mandato di arresto, 51-anno-vecchio Ngaissona è responsabile per i reati commessi con altri autori o per favoreggiamento di reati tra cui omicidio, persecuzione, la tortura, lo sterminio e l'utilizzo di bambini soldato.

udienza è stata fissata per il 18 giugno in cui i giudici dovranno valutare se la prova è abbastanza forte per merito confermando le accuse e mettendo Ngaissona un periodo di prova.

anti-Balaka gruppo è accusato di targeting Musulmani in dialogo interreligioso e intercomunale di combattimento che è scoppiata nel 2013, quando, in maggioranza Musulmane ribelli seleka sono preso il potere nella Repubblica centrafricana capitale, Bangui. La violenza lasciato migliaia di morti e sfollati, centinaia di migliaia di persone.

Ngaissona, che l'anno scorso è stato eletto il comitato esecutivo della Confederazione del Calcio Africano, l'organo che governa il calcio del continente, è il secondo sospetto dagli anti-Balaka ranghi per essere arrestato e inviato alla corte. L'anno scorso, Alfred Yekatom è stato trasferito a L'Aia per affrontare le spese.

governo della Repubblica centrafricana ha chiesto l'ICC di Maggio 2014 per indagare sui crimini che sarebbero state commesse da entrambi i seleka sono e anti-Balaka. Finora, nessun seleka sono combattenti sono stati pubblicamente mirati da parte del tribunale, del procuratore capo, Fatou Bensouda.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.