Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Sudan al-Bashir di sfida in faccia di settimane di disordini

Sudan da sovrano era provocatorio lunedì a fronte di più di tre settimane di proteste esigenti sue dimissioni, ribadendo in occasione di un rally nell'ovest del paese, che un cambiamento di leadership può venire solo attraverso il voto.

al potere dal 1989, Omar al-Bashir è già una delle regioni più longevo leader. La sua decisione Popolare Partito del Congresso ha nominato lui a correre per un altro mandato, il prossimo anno.

"La gente ha portato questo governo di ufficio e c'è un solo modo (da cambiare), e che l'urna elettorale" al-Bashir ha detto centinaia di tifosi in tutto il Darfur città di Nyala. "Il voto è quello che decide il popolo del Sudan scegliere chi li guida nel 2020, a Dio piacendo."

Al-Bashir anni in ufficio non sono riusciti a sollevare il Sudan al di fuori del suo dilagante povertà o di portare la pace e l'unità per la religiosamente diversi paese. Sudan, paese più grande dell'Africa fino al 2011, quando il principalmente animista e Cristiano, la secessione del sud, con circa tre quarti delle risorse petrolifere del paese.

Egli è stato incriminato nel 2010 dalla Corte Penale Internazionale per genocidio in Darfur, dove una rivolta fu brutalmente repressa dalle forze fedeli al governo, tra le milizie. Decine di migliaia di morti nel conflitto e centinaia di migliaia di profughi.

Il corso, le proteste anti-governative sono scoppiati a Dic. 19, inizialmente per escursioni di prezzo e carenze, ma ben presto spostato a chiamare il presidente Islamista al passaggio verso il basso. Il malcontento si è diffuso in gran parte del Sudan, comprese le aree a nord di Khartoum, da cui il paese dirigente di struttura tradizionalmente proviene.

almeno 40 persone sono state uccise negli scontri, secondo i gruppi per i diritti, ma il governo ha riconosciuto solo il 24 decessi. Le autorità hanno anche trattenuto più di 800 persone in quanto l'agitazione iniziò, insieme a decine di leader dell'opposizione.

Al-Bashir lunedì ripetuto la sua affermazione che il malessere è il lavoro del Sudan i nemici esterni che utilizzano agenti locali per i loro piani. "A loro non piace la stabilità abbiamo raggiunto", ha detto.

"C'è un problema economico ... e stiamo lavorando per risolverlo", ha detto, senza elaborare. La scorsa settimana, ha promesso di continuare i sussidi di stato per gli elementi di base, aumentare gli stipendi, migliorare l'assistenza sanitaria e la revisione del sistema bancario. Non ha detto come egli intende realizzare queste misure.

Anche lunedì, le forze di sicurezza detenuto per circa cinque ore 18 giornalisti, per lo più indipendenti Khartoum quotidiano al-Jareeda.

Gli arresti sono stati effettuati, come i giornalisti si sono riuniti fuori gli uffici del giornale, prima di dirigersi verso la sede nazionale dell'agenzia per la sicurezza nel centro di Khartoum, dove hanno in programma di organizzare un sit-in di protesta censura di stato.

gli Attivisti dicono le autorità hanno ulteriormente inasprito il controllo dei media indipendenti in quanto l'ultima agitazione iniziò, con la notizia delle proteste per lo più censurati o non pubblicati. Diversi quotidiani, tra cui al-Jareeda, hanno avuto le loro copie confiscati o bannato dalla pubblicazione.

Diversi giornalisti sono stati anche picchiati dalle forze di sicurezza, mentre copre proteste di strada, secondo gli attivisti e i loro colleghi, mentre altri sono stati arrestati.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.