Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Netflix Living privi di documenti' sonde dramma dei migranti

Dopo due decenni negli USA, Alejandra Juarez pensato che lei aveva fatto.

giunse nel paese illegalmente dopo la fuga di violenza in Messico, ma si era costruito una vita borghese in Davenport, Florida, con suo marito, Temo, un ex Marine degli stati UNITI che hanno votato per il Donald Trump.

Dopo la Briscola è diventato presidente, Alejandra Juarez scoperto che federale autorità di immigrazione aveva preso un interesse per il suo caso. Lei si trovò ben presto deportati nonostante le proteste, un congresso bill ed emotivo appelli sue giovani figlie.

"Vivere senza documenti," un nuovo Netflix serie di documentari, indaga la sua storia e la diversità dei migranti catturati nell'intricato U. S sistema di immigrazione in cui l'incertezza e il dolore che spesso è battaglia sogni.

sei-episodio della serie che è ora in streaming segue le vite di otto famiglie dell'America latina, Israele, Laos e Africa, che tenta di vivere una vita normale negli USA, nonostante i membri della famiglia' stato di immigrazione.

Per settimane, troupe cinematografiche seguire le famiglie che attendono decisioni relative all'immigrazione e provare per festeggiare compleanni, bat mitzvah e famiglia grigliate in Florida, Texas e Carolina del Sud. Le famiglie fanno del loro meglio per vivere nel presente, mentre le minacce di deportazione telaio a causa della modifica di norme e leggi.

La serie si presenta come Trump sta cercando di fermare il flusso di migranti, molti dei quali in fuga da violenza, l'arrivo negli stati UNITI attraverso il confine Messicano.

Luis Diaz venuto negli stati UNITI da Honduras da cavallo "la bestia" — il temuto treno dal centro America al Messico. Ron e Karen, un paio di Israele che non ha dato loro cognomi, a sinistra, in mezzo alla violenza e si è fermato il loro visti.

Vinny Phankhaysy, un rifugiato dal Laos, che ha una Carolina del Sud accento, volti deportazione dopo la tromba di amministrazione ha determinato una droga convinzione di 15 anni fa, ha fatto di lui indesiderati.

Co-direttori Anna Chai e Aaron Saidman ha detto che avrebbe voluto creare una serie che ha permesso immigrati a parlare per se stessi e nelle impostazioni dove si sentiva a suo agio.

"Dopo la costruzione della fiducia, che erano desiderosi di condividere le loro storie", ha detto Chai, figlia di immigrati, che è stato esposto ai problemi dell'immigrazione nell'industria alimentare durante il lavoro su "La Mente di uno Chef", una popolare serie PBS.

Saidman detto i registi hanno trascorso del tempo con le famiglie immigrate nella loro vita quotidiana, come un giro di uova, controllare i loro telefoni, giocare con i bambini e in auto in giro per la città. Coloro spesso banali abitudini di mostrare come i migranti sono proprio come tutti gli altri, nonostante il loro status di immigrazione, Saidman detto.

La serie non ha voce narrante. L'unica volta che gli avvocati di immigrazione o i politici vengano a spiegare le leggi o aggiungere un contesto di situazioni. Tutto il resto è raccontato attraverso gli occhi dei migranti.

"il design, la" Saidman detto. "I loro sogni di forma della serie."

Ma la serie ha momenti orribili.

Nei primi episodi, ci incontriamo Diaz, che deve girare su suo figlio per la sua ragazza, Kenia Bautista-Mayorga, che è in stato di detenzione in Kansas City, Missouri, e programmato per essere deportati in Honduras con il suo bambino.

Diaz è anche illegalmente nel paese e deve decidere se rischia la deportazione di sé dandole un abbraccio addio mentre consegnano il loro pianto figlio. L'immigrazione degli stati UNITI le autorità di tornare su una promessa per consentire alla coppia di dire addio al di fuori del palazzo federale. Egli deve venire dentro.

"mi sento in colpa che ho avuto modo facile," dice Chai.

Saidman ha detto che lui e Chai fatto del loro meglio per non fare dichiarazioni politiche con la serie. Ma spera di spettatori mettere pressione sui funzionari eletti a spingere per le riforme.

"sono davvero colpito come speranza di tutti gli immigrati," Saidman detto. "Credono ancora nel sistema Americano. Come un Americano, questo ha rinnovato la mia fede nel sogno Americano."

---

Russell Contreras è un membro dell'Associated Press' la razza e l'etnia di squadra. Seguirlo su Twitter: http://twitter.com/russcontreras

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.