Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Condanne emesse su Ungheria fango inondazione che ha ucciso 8

Due ex dirigenti di allumina stabilimento in Ungheria sono stati giudicati colpevoli e condannati al carcere lunedì per un disastro industriale che ha ucciso otto persone e il ferimento di più di 220 invaso le città e i villaggi, un tribunale ungherese, ha detto.

Zoltan B., l'ex amministratore delegato di MAL Zrt., ha ricevuto una pena detentiva di 2 anni e mezzo per il pubblico, danneggiamento e altri reati, mentre Jozsef D., vice CEO, ha ricevuto due anni di prigione.

In linea con la normativa sulla privacy, la corte non ha fatto identificare i convenuti con i loro nomi completi.

On Oct. 4, il 2010, di una parete di un serbatoio enorme di impianto di crollo, allagamento e tre le città e i villaggi con circa 2 milioni di metri cubi (528 milioni di galloni) di tossico rosso fango e acqua.

altamente alcalino mix bruciato la pelle delle vittime, alcuni dei quali sono stati spazzati via dalla forza di correre di inondazione ed è annegato. Una delle vittime è stato di 14 mesi di età.

altre Otto persone a giudizio per il 2010 di emergenza ricevuto sospeso di reclusione, multe o rimproveri, mentre il tribunale della città in Gyor assolto cinque. Tutti e 15 gli imputati sono stati assolti da tutte le accuse nel 2016, ma la corte d'appello ha ordinato un nuovo processo.

lunedì sentenza è stata appellata da magistrati che hanno chiesto condanne più severe, e dalla maggior parte dei condannati, imputati, in cerca di magro sanzioni.

Il giudice di merito ha stabilito che MAL Zrt. dirigenti e dipendenti ha rotto molte delle norme in materia di stoccaggio e di movimentazione degli avanzi di fango e acqua, dalla produzione di allumina, la principale materia prima per la fabbricazione di alluminio.

"Gli imputati negligenza contribuito alla catastrofe, poiché non trattare con i segni premonitori di una possibile violazione", la corte ha detto in una dichiarazione. "E fuorviato residenti nell'area e le autorità per quanto riguarda la vera quantità e la tossicità dell'acqua accumulata a causa di violazioni delle regole, che alla fine divenne determinante fattori della catastrofe."

La corte ha anche detto che gli imputati non hanno avvisare le autorità o erano in ritardo, così facendo, per quanto riguarda il fango inondazione e la sua tossicità. L'ex CEO anche fatto intenzionalmente fuorvianti circa i pericoli di dispersione, la corte ha constatato.

La quantità di acqua immagazzinata nel 25 ettari (61.8 acri) serbatoio, oltre 1 milione di metri cubi (264 milioni di galloni), era più di due volte il limite e la sua tossicità superato il limite ammissibile.

, Nella sua decisione, lunedì, la corte ha anche incolpato di scarsa pianificazione, la costruzione e la manutenzione del serbatoio.

gruppo ambientalista Greenpeace chiamato le convinzioni "storico", ma ha aggiunto che le questioni circa la responsabilità delle autorità incaricate di sorvegliare l'impianto — che in alcuni casi non operano secondo le norme — è rimasta senza risposta.

"Per l'Ungheria per evitare simili situazioni in futuro, ha bisogno indipendenti ed efficaci, autorità," Greenpeace ha detto in una dichiarazione. "E forte e norme operative che siano in grado di garantire il principio più importante di tutela ambientale — 'chi inquina paga'.'"

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.