Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Gli afgani ripristinare l'arte in frantumi dai Talebani come per fare la pace si avvicina

I combattenti Talebani sono arrivati con martelli e di odio. Che cosa hanno lasciato dietro di loro è disposto su tabelle, presso il Museo Nazionale dell'Afghanistan, 18 anni dopo: pezzi in frantumi di antiche statuette di Buddha, fracassato, perché essi furono giudicati, di essere contro l'Islam.

Museo lavoratori a Kabul hanno cercato di farli stare di nuovo insieme come un nervoso paese attende i Talebani e gli stati UNITI per raggiungere un accordo sul finale America della guerra più lunga. L'accordo dovrebbe portare all'interno Afgano colloqui in cui il gruppo estremista avrebbe un ruolo nel plasmare il futuro dell'Afghanistan.

Come i lavoratori di prendere con le mani guantate attraverso centinaia di ordinatamente disposti schegge etichettato come "orecchie", "mani", "fronte" e "occhi", che, in futuro, si sente particolarmente fragile.

Alcuni dettagli sono emersi da diversi giri di USA-Talebani negoziati nel corso dell'anno passato, e non si sa cosa un Talebano e tornare nella capitale, Kabul, potrebbe assomigliare. Il paese vede ancora vicino-attacchi giornalieri non solo da un lunga e consolidata Talebani, che controllano circa la metà dell'Afghanistan, ma anche da un brutale locali affiliati dello Stato Islamico gruppo.

I Talebani cinque anni di governo imposto un duro forma di legge Islamica, negando l'istruzione femminile, che vieta la musica e bandire le donne nelle loro case. Si è conclusa poco dopo gli stati UNITI-led invasione di seguito il Sett. 11 settembre 2001 gli attacchi terroristici, per sbaragliare i Talebani, che avevano accolto al-Qaida e il suo leader Osama bin Laden.

Sherazuddin Saifi ricorda il giorno Talebani arrivati al museo nazionale nel 2001, in un periodo culturale rampage in cui il mondo più grande in piedi statue di Buddha in provincia di Bamyan sono fatta saltare in aria, globale orrore.

Per diversi giorni, i Talebani impostato su Kabul museo del tesoro di reperti provenienti da Afghanistan, la millenaria storia come un crocevia di culture: greco, persiano, Cinese e altre. Hanno scelto di offendere gli elementi che hanno mostrato forme umane, anche le prime Islamici, stritolate con martelli o fracassato contro il pavimento.

"Noi non poteva impedire loro. Erano di rompere tutti i blocchi, entrando in ogni camera e distruggendo tutti gli elementi in pezzi", ha detto Saifi, che fa parte dell'équipe di restauro. "E' stato straziante e terribile ... hanno distrutto la loro storia."

Più di 2.500 statue sono state distrutte, le parti di loro macinato in polvere. I lavori di restauro potrebbe prendere un decennio, Saifi detto, ma "ci sentiamo veramente felici dopo aver messo questi pezzi di nuovo insieme" e far rivivere il loro significato.

Tra gli oggetti distrutti sono stati i Hadda figurine, una notevole collezione di sculture Buddhiste hanno scoperto decine di anni fa, nell'Afghanistan orientale, vicino all'attuale città di Jalalabad. Fotografie che rimane intatto figurine, e i cocci di se stessi, accenno delicati riccioli di capelli o labbro.

I Talebani fracassato in migliaia di pezzi, molti la dimensione di pugni o anche una moneta. Ora alcuni dei frantumi i capi sono tenuti insieme con elastici in officina, parte di un immenso puzzle che si può prendere giorni di paziente sforzo di far parte di un unico pezzo e l'altro.

Il Hadda figurine sono il museo più segno visibile di questi giorni del tempo-tempo necessario per il recupero dalla crisi in Afghanistan che è cominciato anche prima che i Talebani, quando i signori della guerra combattuta Kabul, nel solco di una Sovietica ritiro.

buona parte del patrimonio del museo, migliaia di pezzi, sono stati saccheggiati e l'edificio è stato bombardato, anche se alcuni tesori nascosti nel palazzo presidenziale di Kabul e altrove. Il tetto della stanza dove il Hadda figurine sono ora riuniti è stato distrutto.

Il museo di recupero iniziò nel 2004, durante il periodo in cui la sconfitta dei Talebani in silenzio cominciò a riorganizzarsi. A poche centinaia di oggetti sono stati restaurati negli ultimi anni. Ora il museo e l'Università di Chicago Istituto Orientale la compilazione di come completare un inventario possibile, nella speranza di rintracciare mancanti manufatti, e il salvataggio di una registrazione digitale di raccolta in caso di ulteriore minaccia.

il database è oltre il 99% di completamento, con più di 135.000 pezzi che si sono conservati, l'Istituto Orientale dice. Per la mancanza di artefatti, si spera di creare digitali "voluto" poster con le loro immagini al post online, "in modo che questi oggetti possono essere individuati, e, idealmente, recuperati e restituiti."

Esperti e sostenitori dell'Afghanistan, ricco di storia hanno espresso disappunto che la conservazione dei beni culturali, a quanto pare non è stato all'ordine del giorno negli USA-Talebani negoziati, che si sono concentrati negli stati UNITI ritiro delle truppe e dei Talebani garanzie che il paese non può essere utilizzato come un trampolino di lancio per attacchi terroristici globali.

"Se è stato discusso, non sono a conoscenza di esso, e questo è qualcosa che abbiamo seguito molto da vicino," ha detto Adam Tiffen, vice direttore della Virginia-based Alleanza per il Restauro dei Beni Culturali. L'emissario AMERICANO che conduce le trattative con i Talebani, Zalmay Khalilzad, è l'organizzazione del direttore emerito.

"Se non impariamo dal nostro passato, ci sono un pazzo, mi verrebbe da dire", ha detto il direttore del museo di Mohammad Fahim Rahimi, che è molto preoccupato per il potenziale ritorno dei Talebani e sta facendo piani per proteggere il patrimonio del museo. "Spero che abbiano imparato che non è contro la legge dell'Islam, e nessuno è adorare questi oggetti, ognuno è tenuto conto di questi oggetti, come mostra la nostra storia."

Egli ha esortato i Talebani per andare da musei a Doha, in Qatar, dove il gruppo ha una carica politica, e vedere gli artefatti che sono conservate.

"Abbiamo ottenuto un sacco di 18 anni", da quando i Talebani sono stati sconfitti, Rahimi, ha detto. "Se sono qui in potenza e non vi è alcun cambiamento nella loro mentalità, significa che siamo sicuramente indietro da dove siamo partiti e, quello che abbiamo ottenuto sarà andato."

Non tutti i Hadda manufatti sono stati distrutti. Una breve passeggiata lungo la ovattata corridoio dal workshop che si riflette in modo molto Talebani carneficina, una figura completa di un Buddha seduto in mostra, risalente al iii o iv secolo.

"il Suo volto suggerisce dolce meditazione," il manifesto dice.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.