Post a Comment Print Share on Facebook

reads.

Arabia femminile attivista rifiutato di rilascio in cambio di negare di essere torturato: Famiglia

Loujain al Hathloul, che è stato imprigionato in Arabia Saudita dal Maggio del 2018 per la sua opera di promozione dei diritti delle donne nel regno, tra cui sfidando il precedente divieto per le donne di guidare, ha rifiutato un accordo per essere rilasciato.

Secondo la sua famiglia, ha ricevuto un'offerta di recente, finalmente, sicuro della sua libertà, ma solo se ha negato di essere stati torturati durante la detenzione.

(di PIÙ: Arabia leadership responsabile per Khashoggi omicidio, dice un rapporto dell'ONU)

Suo fratello, Walid al Hathloul, ha scritto su twitter il martedì che i funzionari hanno visitato in carcere e ha chiesto di firmare un documento che nega di essere mai stato torturato. Su una terza visita, hanno aggiunto una nuova richiesta -- apparire sul video e negare qualsiasi tortura ha avuto luogo.

"Ha subito strappato il documento," secondo Walid. "Lei ha detto loro che mi chiedono di firmare questo documento sono coinvolti nella (sic) di coprire e si sta semplicemente cercando di [a] difendere Saud Al-Qahtani, che curò la tortura."

Qahtani è un funzionario Saudita che ha servito come un alto consigliere del Principe ereditario Mohammed bin Salman, ma è stato licenziato dopo essere stato implicato nel complotto per uccidere il editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi.

Loujain sorella di Lina al Hathloul, ha aggiunto: "Qualunque cosa accada io certificazione 1 volta: Loujain è stato brutalmente torturato e molestata sessualmente."

Sua sorella ha twittato mercoledì, "Abbiamo alcuna garanzia che, se lei accetta l'accordo, che sarà libero di lei. Siamo stanchi di false promesse."

almeno quattro della femmina attivisti in Arabia affidamento hanno detto che sono stati torturati, secondo i gruppi per i diritti umani.

In una dichiarazione alla ABC News, un funzionario Saudita negato che al Hathloul è stato torturato o l'offerta per il suo rilascio, aggiungendo Arabia leggi vietano la tortura" e "i Detenuti e i detenuti hanno il diritto di presentare un reclamo concernente il maltrattamento, e il regno ha istituzioni che assicurino che le loro rimostranze sono corrette."

Lina al Hathloul, ha detto che lei si preoccupa che parla "farà del male a mia sorella", ma ha aggiunto, "non Abbiamo alcuna garanzia che, se lei accetta l'accordo, che sarà libero di lei. Siamo stanchi di false promesse."

Benoit Tessier/Reuters, File di Manifestanti scena la protesta nella Giornata Internazionale della Donna per sollecitare l'Arabia autorità di rilascio carcere femminile di attivisti per i diritti Loujain al-Hathloul, Eman al-Nafjan e Aziza al-Yousef al di fuori all'Ambasciata Saudita a Parigi, l ' 8 Marzo, 2019.

Il Dipartimento di Stato non commentare le accuse specifiche, ma più in generale un portavoce ha detto in una dichiarazione, "Abbiamo espresso la nostra preoccupazione per la detenzione di pacifici attivisti in Arabia Saudita. Sollecitiamo il governo dell'Arabia Saudita e di tutti i governi, per garantire un equo processo, garanzie, libertà da arbitrarie e stragiudiziale di detenzione, la trasparenza e lo stato di diritto."

Si riferivano ulteriori domande al governo Saudita.

(di PIÙ: Arabia Saudita per consentire alle donne di viaggiare senza il maschio autorizzazione, imprese)

Separatamente, Dipartimento di Stato portavoce Morgan Ortagus condannato l'Iran per la condanna di tre donne, attivisti per i diritti "a 55 anni di carcere per aver protestato obbligatoria hijab leggi semplicemente distribuendo rose."

Yasaman Aryani, Monireh Arabshahi e Mojgan Keshavarz sono stati condannati per la loro tranquilla campagna contro l'hijab leggi il 31 luglio. Aryani e Arabshahi sono stati condannati a 16 anni ciascuno, e Keshavarz è stato condannato a 23,5 anni -- combinato 55 anni, con ogni necessaria per servire 10 anni di pena, secondo i gruppi per i diritti umani.

Benoit Tessier/Reuters, File di Un manifestante in possesso di un cartello fuori all'Ambasciata Saudita di protesta nella Giornata Internazionale della Donna per sollecitare l'Arabia autorità di rilascio carcere femminile di attivisti Loujain al-Hathloul, Eman al-Nafjan e Aziza al-Yousef a Parigi, l ' 8 Marzo, 2019.

"chiediamo a tutte le nazioni per denunciare questa grave violazione," Ortagus ha detto nel suo tweet mercoledì.

Ortagus non ha postato un messaggio su Loujain al Hathloul accuse.

Avatar
Your Name
Post a Comment
Characters Left:
Your comment has been forwarded to the administrator for approval.×
Warning! Will constitute a criminal offense, illegal, threatening, offensive, insulting and swearing, derogatory, defamatory, vulgar, pornographic, indecent, personality rights, damaging or similar nature in the nature of all kinds of financial content, legal, criminal and administrative responsibility for the content of the sender member / members are belong.